AFRICAN LION MADRILL Leone Madrillo Discovery Endangered Species Set 2 Monete Argento 2 Dollari Niue 2016

Nuovo prodotto

Questo nuovissimo set è il primo della serie “Discovery Endangered Species” e celebra la vita selvatica africana. Il set contiene due monete d’Argento colorate, con un peso di 1 Oncia e mezza ciascuna, la qualità Proof e raffigurano due animali africani, il leone ed il madrillo. Il set verrà fornito in un interessante cofanetto con Certificato di Autenticità. Tiratura limitata a 700 set nel mondo.

Maggiori dettagli

159.95 €

Questo prodotto non è più disponibile
Inserisci il tuo indirizzo email. Una volta che il prodotto sarà nuovamente disponibile, ti verrà inviata una notifica via email.





Spedizione in Giornata Consegna Veloce in 24/48 ore

Pagamento Sicuro Sicurezza con Crittografia SSL

Soddisfatti/Rimborsati Soddisfatto o Vieni Rimborsato!

 
Specifiche
Nazione Niue
Anno 2016
Valore Facciale 2 Dollari
Metallo Argento
Titolo (purezza) 999/1000
Peso (g) 93.3 (3 once)
Diametro (mm) 49.3
Qualità Proof (Fondo Specchio)
Tiratura (esemplari) 700
Certificato di Autenticità Si
Cofanetto Si
Set (pezzi) 2
 
Dettagli

Il Leone Africano ed il Mandrillo
Il leone, nome scientifico Panthera leo della famiglia dei Felidae, oggi vive nelle zone dell'Africa sub-sahariana eccetto che nel deserto e nello zone della foresta pluviale tropicali. Il suo ambiente è la savana (ambiente tropicale e subtropicale caratterizzato da bassa vegetazione, prevalentemente erbosa ed alberi abbastanza radi) dove ha ottime possibilità di trovare prede soprattutto ungulati. In questo ambiente il leone è veramente il re nel senso che è il predatore incontrastato, seguito dalle iene maculate (Crocuta crocuta) con le quali ogni tanto entra in competizione. Per quanto riguarda l'aerale asiatico, nel quale un tempo era molto diffuso, oggi si ritrova solo una singola popolazione isolata in 1.400 km², nel National Park and Wildlife Sanctuary, in India. Il leone è un animale che vive in gruppo e raramente tutti i componenti del gruppo sono presenti contemporaneamente. In media un gruppo è formato da 13 leoni così formati: 1,7 maschi adulti; 4,5 femmine; 3,8 giovani e 2,8 cuccioli.
Il mandrillo è un primate catarrino della famiglia dei Cercopitecidi. Il nome vuol dire letteralmente "uomo-scimmia". Vive nelle foreste vergini dell'Africa occidentale, soprattutto in quelle del Camerun meridionale, la Guinea, la Costa d'Oro e il bacino del Congo. Pare che le popolazioni a nord del fiume Ogooué siano differenti geneticamente da quelle a sud di tale fiume, al punto di far pensare agli studiosi che si tratti di due sottospecie distinte. Nonostante spesso i mandrilli siano rappresentati in ambienti rupestri, magari mentre rotolano pietre per cercare cibo, in realtà essi sono abitanti della foresta pluviale. Il mandrillo è una scimmia assai variopinta: sul dorso il pelo è bruno scuro, con sfumature verde oliva, sul petto invece è giallastro, sul ventre diviene di consistenza ovattata ed è di colore biancastro, mentre sui fianchi è presente una fascia divisoria fra il pelo del dorso e del ventre, di colore bruno chiaro. In tutto il corpo il pelame è un po' ruvido e ispido.

 
Design

Il rovescio delle monete raffigura due animali africani, che sono portati alla vita tramite la colorazione. La moneta “Leone Africano” mostra un cucciolo di leone accanto a suo padre, mentre l’altra moneta - “Mandrillo Africano” - mostra un mandrillo maschio adulto a colori. Sul bordo superiore delle monete, le iscrizioni: “African Lion” e “African Madrill”. Il logo “Discovery” appare sul bordo inferiore delle monete.
Il dritto comune delle monete raffigura il pianeta Terra, con una bellissima colorazione, una combinazione predominante di blu e verde. L'effigie di Sua Maestà la Regina Elisabetta II si trova nel basso del dritto in un cerchio più piccolo, in primo piano sul bordo inferiore. Sul dritto si trovano pure le iscrizioni: "Niue Island" – il paese emittente, il valore nominale: "Two Dollars", l’anno di conio: "2016" e "1 1/2 Ounce Troy .999 Fine Silver" – il peso e la finezza dell’Argento.

Reviews