Royal Mint UK

5 1

MINI COOPER 50 Anni Moneta £5 BU Alderney UK Royal Mint 2009

Nuovo

La moneta commemorativa della Mini, la storica automobile compie 50 anni ed è festeggiata da questa stupenda moneta emessa dalla Royal Mint!

Maggiori dettagli

Esaurito
Inserisci la tua email. Quando il prodotto sarà di nuovo disponibile riceverai una notifica.

39.95 €

Accettiamo pagamenti tramite:

Aggiungi alla lista dei desideri

La Mini rivoluzionaria
Negli anni '50, con la Gran Bretagna che comincia il recupero dalla seconda guerra mondiale, vi era poca disponibilità di combustibile ed era stato reintrodotto il razionamento della benzina. Mentre le vendite di grandi automobili erano crollate, iniziava il boom economico dei veicoli più economici. La BMC (British Motor Corporation) incaricò Alec Issigonis per la progettazione di "qualcosa" che realmente assomigliasse ad un'automobile, in grado di trasportare quattro adulti, piccola ed economica. Il suo disegno fu rivoluzionario per l'economia di spazio e per il motore anteriore per la prima volta montato trasversalmente. Una configurazione successivamente adottata da quasi tutte le piccole automobili a trazione anteriore.

La Mini da corsa
La popolarità della Mini si diffuse presto nel mondo dei motori sportivi quando il pilota e costruttore automobilistico, John Cooper, ne intravide il potenziale per la competizione. Egli sviluppò una Mini Cooper con un motore da corsa, carburatori gemelli SU, una scatola del cambio a corti rapporti e freni a disco anteriori. Questa configurazione superiore ha condotto a 22 vittorie negli importanti rally internazionali, comprese tre vittorie al famoso Rally di Monte Carlo. Un buon numero di Mini Cooper è ora posseduto da gente di tutte le età che le usano per i rally, la corsa, i raduni confermando che ancora oggi la Mini è vincente come sempre.

I favolosi anni sessanta
Anche se molte celebrità come i Beatles, Steve McQueen, Twiggy e perfino Sua Maestà la Regina erano fieri proprietari di una Mini, rimaneva un'automobile economica alla portata di tutti. Fu un decennio in cui il numero dei proprietari di automobili raddoppiarono da 5.6 milioni a 11.8 milioni e Londra istituì le prime autorità per la gestione del traffico; era l'era di Carnaby Street, mods e rockers, e delle mini gonne. Nei favolosi anni sessanta la Mini vide il suo splendore e presto si trasformò nell'automobile più popolare del paese.

Un classico britannico
Il nome dell'automobile più economica della BMC (British Motor Company) derivò nome da un'abbreviazione della parola latina "minimus", il più piccolo. Dopo pochi anni dal lancio, la Mini comparì in numerose produzioni cinematografiche, per il piccolo e grande schermo, compreso "The Italian Job" ("Un colpo all'italiana"), il film capolavoro del 1969 con Michael Caine che trasformò la Mini in una stella internazionale ed in un'icona automobilistica. La Mini ha vinto molti premi nel corso degli anni, compreso "L'automobile del Secolo", "L'automobile classica numero uno di tutti i tempi" e "L'automobile Europea del secolo" in una votazione mondiale avvenuta su Internet nel 1999.

Una nuova moneta coniata dalla zecca del Regno Unito, la Royal Mint, dal valore nominale 5 Sterline (1 Corona), commemora questa straordinaria automobile. La moneta rappresenta una Mini come dal primo progetto ed il richiamo al 50° anniversario.

  • NazioneRegno Unito
  • Anno2009
  • Valore Facciale5 Sterline
  • MetalloCupronickel
  • Peso (g)28.28
  • Diametro (mm)38.61
  • QualitàBU - Brilliant Uncirculated
  • Tiratura (esemplari)50.000
  • Certificato di AutenticitàSi
  • CofanettoSi
Non ci sono altri prodotti di questa serie
A metà degli anni '50 la neonata BMC aveva l'esigenza, alla luce della Crisi del Canale di Suez del 1956 che aveva portato aumenti sensibili nei prezzi dei carburanti, di realizzare una vettura da città, piccola ed economica, ma in grado di trasportare almeno 4 persone. Leonard Lord, timoniere della BMC, affidò il compito all'ingegnere d'origine greca Alec Issigonis. Issigonis fece un capolavoro: grazie alla disposizione anteriore trasversale del motore, al cambio montato sotto il motore (con coppa dell'olio unica) e alla trazione anteriore, la vettura, lunga appena 303 centimetri, poteva ospitare (con discreto spazio) 4 persone. La carrozzeria era a 2 volumi con 2 porte.
La moneta rappresenta la prima storica Mini ed il retro rappresenta il profilo della Regina Elisabetta II.