FREYA DEE DELL'AMORE Pantheon Serie I Moneta Argento 10D Andorra 2012

Nuovo prodotto

Splendida moneta in argento puro 999 con placcatura in oro dedicata ad esaltare l'affascinante dea greca dell'amore: Freya. Fa parte della serie 'Pantheon' e composta da sette magnifiche monete che onorano le dee dell'amore di diverse culture provenienti da tutto il mondo.

Maggiori dettagli

79.95 €

Questo prodotto non è più disponibile
Enter your email id. Once product back in stock you will be notified by email


Spedizione in Giornata Consegna Veloce in 24/48 ore

Pagamento Sicuro Sicurezza con Crittografia SSL

Soddisfatti/Rimborsati Soddisfatto o Vieni Rimborsato!

 
Scheda tecnica
Nazione Andorra
Anno 2012
Valore Facciale 10 Denari
Metallo Argento
Titolo (purezza) 999/1000
Peso (g) 31.1 (1 oncia)
Dimensioni (mm) 30 x 45
Qualità Proof (Fondo Specchio)
Tiratura (esemplari) 3.000
Certificato di Autenticità Si
Cofanetto Si
 
Dettagli

La serie 'Pantheon' si compone di sette monete dedicate alle dee dell'amore viste da differenti culture e differenti epoche:

Afrodite
Dea greca dell’Amore, della bellezza e dell’arte ed è considerata da tutti, divini e mortali, la più bella tra le Dee, la più irresistibile ed attraente, vero simbolo dell’Amore, di cui non solo si fa portatrice, ma che incarna e rappresenta.

Venere
Venere (in latino Venus) è una delle maggiori dee romane principalmente associata all'amore, alla bellezza e alla fertilità. C'è chi sostiene che essa scaturì dal seme di Urano, un'altra ipotesi è che essa sia nata da una conchiglia uscita dal mare. Venere è la consorte di Vulcano. Veniva considerata l'antenata del popolo romano per via del suo leggendario fondatore, Enea, svolgendo un ruolo chiave in molte festività e miti della religione romana.

Kuan Yin
Kuan Yin, il cui nome significa 'Colei che sente i lamenti del mondo': è adorata da secoli come la dea della gentilezza, della pietà e della grazia. È conosciuta anche come 'la Signora che porta i bambini' perché concede figli a chi non ne ha, inoltre porta la pace sul campo di battaglia. Si dice che, se qualcuno è in pericolo e la invoca, Kuan Yin correrà in aiuto; se qualcuno è malato e la invoca, lei lo guarirà.

Benten
Benten è la dea giapponese dell’amore, della buona fortuna, padrona dell'eloquenza, dispensatrice di ricchezza e genio della musica. E’ protettrice perciò delle geishe, dei musicisti, dei danzatori. Benten generalmente è ritratta come una bella donna a cavallo di un drago, mentre suona uno strumento a corda. Ha otto braccia e in mano regge una spada, un gioiello, un arco, una freccia, una ruota e una chiave. Le restanti due mani sono unite in preghiera.

Freya
Freya è probabilmente la più nota e più amata delle dee nordiche oggi. Il suo nome significa semplicemente "la Signora" e una volta era un titolo piuttosto che il suo nome originale. Freya è la donna selvaggia fra le divinità del nord. Famosa per la sua bellezza, è la dea dell'amore soprattutto sessuale,della fertilità. È considerata un dea oltre che di amore, di profezia e di magia.

Xochiquetzal
Xochiquetzal, o Ichpuchtli, secondo la mitologia azteca è il nome della dea dei fiori, della fertilità, dei giochi, della danza e dell'agricoltura, oltre che degli artigiani, delle prostitute e delle donne incinte. Secondo alcuni sposa di Xochipilli, secondo altri ancora sua sorella gemella.

Hathor
Hathor è una divinità antichissima della mitologia egizia, multiforme e collegata all'archetipo delle Grandi Madri protostoriche, il cui nome significa "casa di Horus". Dea dell'amore e della gioia, dea madre universale, in quanto generava il dio sole e allattava Horus e il suo rappresentante, il faraone, dea della vita ma anche patrona dei morti e spesso aiuta Osiride nell'accoglienza dei defunti nell'Oltretomba.

Tutte le monete della serie dal particolare taglio rettangolare con testa ellittica mostrano una rappresentazione di una dea dell'amore placcata in oro: la dea greca Afrodite, la romana Venere, l'egiziana Hathor, la cinese Kuan Yin, la giapponese Benten, l'azteca Xochiquetzal e la vichinga Freya. Sul retro è mostrato lo stemma del Principato D'Andorra e l'interno del Pantheon.
0 0

Menu