Perth Mint Australia

0 0

TERMOPILI Battaglia 480 AC 300 Moneta Argento 1$ Tuvalu 2009

Nuovo

La Battaglia delle Termopili 480 AC, rappresentata su questa stupenda moneta in Argento puro 999 fondo specchio, la prima della serie dedicata alle famose battaglie storiche.

Maggiori dettagli

Esaurito
Inserisci la tua email. Quando il prodotto sarà di nuovo disponibile riceverai una notifica.

99.95 €

Accettiamo pagamenti tramite:

Aggiungi alla lista dei desideri

LA BATTAGLIA DELLE TERMOPILI - 480 AC
Combattuta nel 480 a.C. dagli spartani guidati da Leonida e dai loro alleati per difendere la libertà ellenica contro l'avanzata di Serse, la battaglia delle Termopili passò alla storia come un immortale esempio di eroismo. Secondo le cronache antiche uno solo dei trecento guerrieri di Sparta sopravvisse: Aristodemo, ritiratosi in seguito a una ferita e per questo disprezzato dai concittadini, almeno fino a quando non ebbe occasione di espiare la sua presunta viltà. Questo avvincente ed emozionante romanzo storico narra come Aristodemo, seppure scettico e disilluso, si unì a Leonida insieme coi suoi amici, ben più motivati di lui. Insofferente all'implacabile sistema spartano, reo, ai suoi occhi, di creare non uomini, ma meri strumenti per procurare gloria allo Stato, e folle d'amore per una altera femme fatale, Aristodemo disprezza Leonida, anche se il re lo prende a benvolere e gli affida gli incarichi più delicati, fino all'atteso, cruento scontro con i persiani. Pur nella sua ideale opposizione, Aristodemo si batte valorosamente, scegliendo però di sottrarsi alla tragica fine. Il sacrificio dei compagni acquisirà anche ai suoi occhi una dimensione eroica, quando avrà appreso i retroscena che si celavano dietro l'impresa. 300 guerrieri racconta da un punto di vista assolutamente inedito la storia dell'epica battaglia, rivelando le passioni e gli intrighi, la cruda violenza e il coraggio nelle gesta leggendarie di trecento eroi.

La Battaglia combattuta nel 480 a.C. tra i greci, comandati da Leonida, e i persiani di Serse, il cui racconto è riportato da Erodoto. Prima della battaglia, Serse aveva conquistato alla propria causa un'ampia parte della Grecia (la Tessaglia, Argo e la maggior parte delle regioni centrali) attraverso l'iniziativa diplomatica e la minaccia della forza. I greci avevano abbandonato la frontiera in Tessaglia e avevano preso posizione al passo delle Termopili. Con il mare da un lato e i monti dall'altro, il passo costituiva una naturale difesa strategica tra il nord e il sud della Grecia. Per proteggere gli alleati greci da un possibile attacco navale dei persiani, la flotta venne stanziata al largo di Capo Artemisio, controllando lo stretto fra l'isola di Skiathos e la terraferma.

La battaglia durò tre giorni: dopo i primi attacchi dei persiani, facilmente respinti dagli avversari, Serse sostituì i suoi contingenti con soldati scelti, che tuttavia non riuscirono ad avere la meglio sui greci. La situazione si sbloccò il secondo giorno, quando un disertore greco, Efialte, informò Serse che, seguendo un sentiero sulle montagne, i persiani avrebbero potuto aggirare l'esercito greco. Diecimila soldati, sotto il comando di Idarne, superarono la difesa greca appostata sul sentiero e attaccarono alle spalle l'esercito greco. Leonida, rimasto solo con 300 spartani e 700 tespiesi, rimase ucciso durante lo scontro. Il resto delle forze greche venne annientato durante la ritirata.

  • NazioneTuvalu
  • Anno2009
  • Valore Facciale1 Dollaro
  • MetalloArgento
  • Titolo (purezza)999/1000
  • Peso (g)31.1 (1 oncia)
  • Diametro (mm)40.6
  • QualitàProof (Fondo Specchio)
  • Tiratura (esemplari)5.000
  • Certificato di AutenticitàSi
  • CofanettoSi
Il verso della moneta illustra una coloratissima immagine dei guerrieri spartani nella classica formazione della falange. Gli elementi incisi descrivono un guerriero spartano che indossa un elmetto protettivo corinzio, un'armatura, uno scudo e una spada. Emessa come moneta a corso legale dalle autorità del governo di Tuvalu, il fronte della moneta rappresenta l'effigie della Regina Elisabetta II.