Oceania Sud Pacifico

0 0

TRITTICO INNALZAMENTO DELLA CROCE Peter Paul Rubens Set 3 Monete Argento 1$ 2$ Niue 2012

Nuovo

Opera numismatica di grande valore, emozionante trittico di monete che rappresenta 'L'Innalzamento della Croce' opera dell'artista fiammingo Rubens. Emessa in Argento 925 dall'Isola di Niue per commemorare i 400 anni dalla creazione del trittico. La tiratura è estremamente limitata a 500 esemplari.

Maggiori dettagli

Esaurito
Inserisci la tua email. Quando il prodotto sarà di nuovo disponibile riceverai una notifica.

199.95 €

Accettiamo pagamenti tramite:

Aggiungi alla lista dei desideri

Rubens Peter Paul Fiammingo (Siegen, Vestfalia, 1577 - Anversa, 1640) di antica famiglia belga, emigrata in Germania per sottrarsi alle persecuzioni contro i protestanti, egli poté rientrare con la madre ad Anversa alla morte del padre. Dopo aver ricevuto un'ottima educazione, si dedicò alla pittura, allievo prima di Verhaegt, poi di Van Noort ed Voenius, quest'ultimo, uno dei più noti "romanisti" del tempo, lo indirizzò allo studio del nudo ed alla pittura allegorica.
Nel 1600, dopo aver ottenuto ad Anversa il titolo di maestro, venne in Italia, prima a Venezia, poi a Mantova, alla corte di Vincenzo Gonzaga, e più tardi a Roma e Genova, ovunque lasciando tracce della sua arte ispirata ai maestri italiani, specialmente al Mantegna, al Tiziano, al Domenichino ed al Caravaggio (Il Cristo morto, L'ultima comunione di S. Francesco, ecc.). Tornato ad Anversa sposò Isabella Brant, si fece costruire un grandioso palazzo ancora in parte esistente e, si dedicò ad un lavoro frenetico per far fronte alle numerose ordinazioni che da ogni parte gli prevenivano. La sua attività fu veramente prodigiosa, dipinti di ogni genere, cartoni per arazzi, frontespizi ed illustrazioni di libri, progetti architettonici. E' l'epoca della Erezione e della Discesa della croce, dell'Adorazione dei Magi, del Colpo della lancia, dei cartoni per gli arazzi con la Storia di decio Mure.
Nel 1620-21 progetta e disegna la decorazione della chiesa dei Gesuiti di Anversa (quasi completamente distrutta nell'incendio del 1718).
Dal '21 al '25 esegue per Maria de' Medici i dipinti destinati al palazzo del Lussemburgo e l'anno successivo prepara i cartoni per gli arazzi dei Trionfi della religione. Altre sue opere di gran pregio, sono: la Sacra conversione per la chiesa degli agostiniani di Anversa, i soffitti della White Hall di Londra, il postergale di Ildefonso di Bruxelles, quindi le decorazioni a Torre de la Parada, i dipinti di cacce per Filippo IV di Spagna, la lunga serie di nudi dell'ultimo periodo nei quali talvolta ha come modella la giovanissima seconda moglie Elena Forment, da lui sposata nel 1630 dopo la morte di Isabella. Tra gli ultimi suoi dipinti, ormai ricolmo di onori e di ricchezze, vanno segnalati specialmente La società elegante del Prado e la Grande Kermesse del Louvre, per l'evidente influenza da essi esercitata a lungo sulla produzione francese dei secoli successivi.

L'Innalzamento della Croce
La destinazione originaria di questa opera non fu quella attuale: essa era destinata all'altare maggiore della Chiesa di Santa Valpurga che venne demolita nel 1817.
La grande pala venne dipinta fra il 1610 ed il 1611 al suo rientro nelle Fiandre, dopo il lungo periodo trascorso in Italia. Egli conosce bene le novità della pittura romana prodotta da Carracci e Caravaggio, e ovviamente ha avuto modo di studiare tutta la produzione rinascimentale e manieristica.
Il volto di Cristo ad esempio é una ripresa del celebre Lacoonte, mentre il braccio dell'uomo in basso vestito di azzurro e' una ripresa di quello di Dio nel celeberrimo affresco con la Creazione di Adamo di Michelangelo. Ma sopratutto egli sembra aver decisamente meditato sulla pittura di Caravaggio: da questi indubitabilmente nasce l'idea dell'uomo che solleva la croce con il proprio corpo, come avveniva nella Crocifissione di San Pietro, il brutale realismo della pelle abbronzata ed i piedi sporchi dei carnefici e il fatto di porre in maggiore risalto luminoso il corpo di Cristo.
In questa opera vi sono elementi molto riconoscibili presi dall’arte del secondo Cinquecento, tuttavia il risultato finale è di una potenza espressiva del tutto inedita. L’immagine è colta nel momento in cui alcuni uomini stanno issando la croce, dopo avervi inchiodato Gesù. La croce si trova ancora inclinata, così che tutto il quadro ha uno sviluppo in diagonale molto accentuato. Ne viene fuori una sensazione di dinamicità accentuata dall’evidente sforzo compiuto dagli uomini che tirano le funi o spingono.

Nel pannello di destra sono rappresentati Giovanni Evangelista e la Madonna, la Maddalena che sospende l'allattamento di un pargolo per mostrare tutto il suo orrore o la terrificante immagine nel pannello di sinistra dove uno dei due ladroni trascinato da un soldato é costretto a calpestare l'altro steso a terra già inchiodato alla croce. Straordinario il bellissimo cavallo schiumante che nella posa equilibra la posizione verso la sinistra della Maddalena.

  • NazioneNiue
  • Anno2012
  • Valore Facciale1 Dollaro, 2 Dollari
  • MetalloArgento
  • Titolo (purezza)925/1000
  • Peso (g)62.2 (2 once)
  • Dimensioni (mm)17.5 x 35, 35 x 35
  • QualitàProof (Fondo Specchio)
  • Tiratura (esemplari)500
  • Certificato di AutenticitàSi
  • CofanettoSi
  • Set (pezzi)3
La moneta rappresenta l'opera "L'innalzamento della Croce, famoso trittico dell'artista Rubens. In questa opera vi sono elementi molto riconoscibili presi dall’arte del secondo Cinquecento, tuttavia il risultato finale è di una potenza espressiva del tutto inedita. L’immagine è colta nel momento in cui alcuni uomini stanno issando la croce, dopo avervi inchiodato Gesù. La croce si trova ancora inclinata, così che tutto il quadro ha uno sviluppo in diagonale molto accentuato. Ne viene fuori una sensazione di dinamicità accentuata dall’evidente sforzo compiuto dagli uomini che tirano le funi o spingono. Tutta l’immagine trasmette una precisa sensazione di grande teatralità, e il pittore mette in campo tutte le frecce che ha al proprio arco, complessità di disegno, ricchezza cromatica, esecuzione minuziosa di ogni singolo dettaglio. Il retro di ogni moneta presenta il profilo di Sua Maestà Elisabetta II. Le tre monete sono incorporate in un'elegante scatola di legno, su cui sono incisi i nomi dei tre dipinti che sono descritti da un libretto illustrativo.