Oceania Sud Pacifico

Offerte speciali

0 0

CROCIATA 3 Riccardo Cuor Di Leone Moneta Argento 5$ Cook Islands 2010

Nuovo

La moneta dedicata alla terza crociata, in argento 925, appartenente alla serie "History of the Crusades". La Terza Crociata (1189-1192), detta anche la "crociata dei Re", fu un tentativo, da parte di vari sovrani europei, di strappare Gerusalemme e quanto perduto della Terrasanta al Saladino.

Maggiori dettagli

Attenzione: Ultimi articoli in magazzino!

99.95 €

Accettiamo pagamenti tramite:

Aggiungi alla lista dei desideri

LA TERZA CROCIATA
La terza Crociata (1189-1192) fu bandita da Gregorio VIII, gli successe Clemente III. La motivazione era la caduta di Gerusalemme (1187) per opera del grande condottiero turco Saladino, che aveva con una serie di strepitose vittorie già esteso la sua signoria sull’Egitto e sull’Arabia occidentale. A differenza dei crociati, il Saladino non effettuava stragi nelle città vinte ai cristiani: questi anzi avevano la possibilità di andarsene pagando un riscatto; chi non pagava era fatto schiavo. Ma poi Saladino abolì anche quest'iniqua richiesta per chi voleva andarsene, né costrinse a fare gli schiavi chi restava se aveva delle qualità che gli permettevano di vivere del suo lavoro senza gravare nelle casse dello stato. Mise perfino una milizia per proteggere da alcuni fanatici musulmani la minoranza cristiana.
Il nuovo papa, Gregorio VIII, disse che la caduta di Gerusalemme era da considerare come il castigo di Dio per i peccati dei cristiani in Europa. Si decise dunque di preparare una nuova crociata: Enrico II d'Inghilterra, seguito poi da Riccardo Cuor di Leone e Filippo II di Francia posero fine alla guerra che li vedeva contrapposti ed entrambi imposero sui loro sudditi la Decima del Saladino, al fine di finanziare la spedizione. Anche l'ormai vecchio imperatore Federico Barbarossa decise di rispondere immediatamente all'appello del papa.
Dal tempo della prima Crociata mai tanto entusiasmo religioso era corso per l'Europa, né così grande esercito era passato in Oriente. Vinte le opposizioni e le insidie dei Greci, l'im­peratore Barbarossa passò in Asia, prese Iconio, varcò il Tauro e già stava alle porte della Siria, quando improvvisamente annegava nel fiume Salef in Cilicia (1190). L'esercito suo allora, parte si sbandò, parte si congiunse coi re di Francia e d'Inghilterra, che stavano all'assedio di San Giovanni d'Acri : la città, bloccata dalle flotte dei Genovesi e dei Pisani, fu presa; ma, essendo sorte tra i Crociati insanabili discordie, i Francesi e i Tedeschi abbandonarono l'impresa, lasciando solo Riccardo Cuor di Leone. Questi fece prodigi di valore, ma non poté con­quistare Gerusalemme e firmò una tregua coi Turchi. Guido di Lusi­gnano, che aveva potuto sfuggire alla prigionia di Saladino, ebbe da Riccardo il possesso dell'isola di Cipro, da lui sottratta ai Greci. Così Guido si disse re di Cipro e di Gerusalemme.

  • NazioneCook Islands
  • Anno2010
  • Valore Facciale5 Dollari
  • MetalloArgento
  • Titolo (purezza)925/1000
  • Peso (g)25
  • Diametro (mm)38.61
  • QualitàFinitura Antica
  • Tiratura (esemplari)1.000
  • Certificato di AutenticitàSi
  • CofanettoNo
Sulla faccia, in primo piano, è presente Riccardo Cuor di Leone a cavallo con la spada sguainata, nello sfondo è presente una raffigurazione molto dettagliata di una battaglia combattuta in oceano .
Sul retro, comune per tutte le monete della serie, è presente l'effigie della Regina Elisabetta II ed un'immagine stilizzata che rappresenta le Crociate.